RIGGED BY MARLOW: HERRMANN & HARE, I VENDEE GLOBE HISTORY-MAKERS

Per Marlow Ropes, il Vendee Globe 2020-21 è stata una regata molto attesa e storica, elettrizzata da due skipper ispirati da Marlow. Boris Herrmann (Germania) e Pip Hare (Regno Unito) che hanno completato rispettivamente il Vendee Globe 2020-21, equipaggiati con la serie Grand Prix (MGP)* di Marlow.

Conosciuto come l'"Everest dei mari", il Vendee Globe è l'apice delle regate non-stop a cui aspirano i velisti e solo 89 su 167 contendenti sono riusciti a tagliare il traguardo. Herrmann, come primo skipper tedesco a competere nella regata 2020-21, ha concluso al quinto posto al Seaexplorer-Yacht Club de Monaco ed è stato incoronato il nuovo campione IMOCA Globe Series**, grazie alla sua costante campagna con il Team Malizia negli ultimi tre anni .

Lo skipper britannico Pip Hare ha fatto la storia come solo l'8th donna ad aver mai completato la regata ed è la prima skipper britannica a finire la regata 2020-21, avendo sognato di gareggiare in Vandea sin da quando era un'adolescente. Tagliando il traguardo dopo 95 giorni, segue le orme del successo nautico nel Regno Unito, Ellen MacArthur, che è stata anche truccata da Marlow nel suo Vendee Globe del 2000.

Commentando la collaborazione con il produttore globale di funi, una sincera Hare ha detto: “Voglio ringraziarti (Marlow Ropes) per aver investito nella mia campagna in una fase così precoce, fidandoti di me per fornire e supportandomi in tutti questi mesi. Spero che tu senta che questo è stato il tuo successo oltre che il mio. Ancora una volta dal profondo del mio cuore, grazie per aver contribuito a far sì che questo accada”.

Il direttore della Leisure Marine di Marlow, Paul Honess, commenta il lavoro di Marlow con Herrmann e Hare:

“Entrambi questi marinai hanno trionfato in Vandee nel loro modo unico e siamo molto orgogliosi di aver svolto un ruolo piccolo, ma vitale, nelle loro vittorie al Vendee Globe. Il rapporto di Marlow con i velisti d'élite di Vendee Globe risale a 24 anni fa*** grazie alla nostra storia di oltre 200 anni nella produzione di cime in grado di fare il giro del mondo estremo.

La serie Grand Prix ad alte prestazioni è fatta per questo tipo di sfida ed entrambi gli skipper hanno utilizzato MGP con specifiche molto diverse. Ogni skipper con cui lavoriamo ha bisogno di specifiche diverse e Boris e Pip non sono diversi. Lavorare con questo calibro di atleta ci dà una conoscenza tecnica vitale per garantire che l'innovazione e lo sviluppo delle nostre corde rimangano al top del gioco".

 

*La serie MGP (Grand Prix) di Marlow è un servizio di rigging su misura personalizzato in base alle specifiche esatte della barca da regata. Il produttore di corde con sede nel Regno Unito e negli Stati Uniti ha lavorato con molti velisti offshore e team di regata, che hanno utilizzato il loro servizio su misura, inclusi gli sfidanti dell'America's Cup 2021 American Magic e Ineos Team UK.

**Il campionato è calcolato accumulando i punteggi degli skipper e delle loro squadre nelle principali regate di Classe IMOCA, tra cui la Vendee Globe, la Route du Rhum, la Transat Jacques Vabre, la Bermudes 1000 e la Vendee Arctique. Herrmann partecipò a tutte quelle gare e le completò tutte. È uscito in testa al campionato con il vincitore del Vendee Globe Yannick Bestaven (Maitre CoQ IV) secondo e il secondo classificato del Vendee Globe e vincitore del line honours Charlie Dalin (APIVIA) terzo. È tra i migliori ambasciatori della classe IMOCA e ha gareggiato nel Vendee Globe per mettere insieme una voce competitiva. Ciò significava fare tutte le gare che portavano al giro del mondo. Boris è felice di emergere alla fine come il nuovo campione.

***Il produttore di corde del Regno Unito ha una lunga storia di supporto ai velisti di alto calibro nel perseguimento del loro sogno di Vandea, a cominciare da Pete Goss nella Vandea del 1996. Negli ultimi 24 anni, Marlow ha avuto il piacere di essere fornitore ufficiale di corde per skipper della Vandea come Ellen Macarthur e Josh Hall nel 2000 e Brian Thompson, Steve White e Sebastian Josse nel 2008. 

 

crediti fotografici: Richard Langdon/OceanImages e Martin Keruzoré / Team Malizia